La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

A tre anni dalla sua costituzione, l'Asian Investment Infrastructure Bank (AIIB) conta 87 Stati membri, molti dei quali sono paesi non asiatici, e 32 progetti infrastrutturali e rappresenta un modello di governance economica globale, nonché di promozione del commercio aperto e del multilateralismo. Ha ricevuto i più alti rating dalle

tre maggiori agenzie di rating mondiali, Moody's, Fitch Ratings e Standard & Poor's, con investimenti superiori ai 4,2 miliardi di dollari nel 2017.

Le conquiste dell'AIIB hanno impressionato altri paesi non membri, tra cui gli ex oppositori irriducibili dell'istituzione, Stati Uniti e Giappone. James Woolsey, consigliere di punta di Donald Trump, ha ammesso che l'opposizione statunitense all'AIIB è un "errore strategico", mentre il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha dato la disponibilità del Giappone ad aderire ad AIIB in futuro.

Nata come banca che puntava sulla costruzione di infrastrutture nella regione Asia-Pacifico, AIIB sta ora cercando nuove opportunità per realizzare progetti al di fuori dell'Asia, oltre ad ampliare i suoi investimenti in nuove aree. Nel 2017, la banca ha approvato il suo primo prestito sovrano al di fuori dell'Asia, nel tentativo di aiutare il governo egiziano a costruire centrali solari. Inoltre, sono stati approvati due progetti in Africa ed altri progetti non asiatici potrebbero essere seguiti in futuro.

L'AIIB si è proiettata anche verso altri settori.  Ad oggi, l'AIIB ha messo in atto diverse nuove strategie di investimento, tra cui la strategia del settore dei trasporti, che mira a finanziare un sistema di trasporto sostenibile e integrato, e può aiutare le città in Asia a essere economicamente e socialmente sostenibili.

La banca cercherà di attrarre maggiori investimenti privati, poiché attualmente gli investimenti azionari rappresentano solo il 20% dell'investimento totale di AIIB e non sono sufficienti a soddisfare la forte domanda di infrastrutture in Asia.   (Ambasciata di Cina in Italia - People’s Daily).

 

 

 

 

EN IT